09 ene

Sterilità idiopatica

Categoria: supporto psicologico Etichetta:

Sai cos’è la sterilità idiopatica? È quel tipo di sterilità alla quale non viene assegnata nessuna causa. Ti raccontiamo di cosa si tratta in questo post, con l’aiuto della nostra psicologa Amalia Bayonas, che ci spiega l’importanza dell’equilibrio nelle abitudini e nella mente, per favorire la gravidanza:

Il corpo umano funciona come un’unità simile ad un’orchestra. Anche se ogni musicista, in assolo, suona in maniera incantevole, se non c’è una buona guida il risultato può essere disastroso. Nel nostro corpo è il cervello che dirige i vari organi: attraverso ordini emessi con impulsi elettrici invia segnali affinché alcuni agiscano, altri rimangano in sordina, aumentino l’intensitá o la diminuiscano.

Questi segnali sono gli ormoni, che attivano determinate funzioni. Ma affinché il cervello funzioni bene ha bisogno di un lubrificante: i neurotrasmissori, ossia sostanze chimiche che condizionano l’esecuzione dello spartito fra i vari organi. Pertanto, quando abbiamo bassi livelli di serotonina siamo giù di morale, o anche depressi; quando abbiamo una carica di endorfine resistiamo al dolore e abbiamo una sensazione di benessere; quando siamo stressati o nervosi presentiamo livelli di cortisolo elevati… Tutto ciò si retroalimenta, infatti a volte gli stimoli esterni influiscono sui nostri livelli biochimici nelle sostanze cerebrali, quindi carenze ed eccessi possono derivare in diversi stati emotivi.

Sterilità idiopatica o di origine sconosciuta

Uno dei momento vitali in cui abbiamo più bisogno di armonia e sincronizzazione, è quando desideriamo un figlio. Il sistema ormonale della riproduzione è altamente sensibile e vulnerabile ai cambiamenti. Sappiamo per esempio che lo stress agisce sull’asse ipotalamico/ipofisiario/adrenalinico causando l’aumento di ormoni come il cortisolo, l’adrenalina, la noradrenalina e diminuendo l’azione degli ormoni riproduttivi.

Se lo stress causa un abbassamento di progesterone, compromettiamo l’impianto, poichè quest’ormone è responsabile della buona riuscita di una gravidanza nelle fasi iniziali.

Anche una cattiva alimentazione può colpire la fertilità. Abbiamo pazienti che ci dicono “io mangio molto sano, non provo neppure i grassi…” ma vi sono delle vitamine liposolubili, che non possono dissolversi senza grassi. Se non vi sono grassi, il sole non può interagire creando nuove molecole, come il colecalciferolo o Vitamina D e non si raggiungono i livelli raccomandati, oltre al fatto che circa un 10% di vitamina D viene assorbito da grassi animali. Inoltre è stato dimostrato che la carenza di Vitamina D diminuisce seriamente la fertilità. Quindi non bisogna esagerare, ma neppure limitarsi troppo con i grassi.

L’alimentazione dev’essere, sopratutto, variata per assicurarci di non saltare nessun nutriente, specialmente quando vogliamo ottenere una gravidanza.

Inoltre, anche un IMC basso influisce negativamente sulla fertilità. Senza grassi scendono i valori di GnRH (Ormone che agisce sul rilascio di gonadotropine) e non si attiva l’ipofisi affinché si liberino gli ormoni LH e FSH, che intervengono nello sviluppo degli ovociti en ella produzione di spermatozoi. Ciò deriva in problema di ovulazione e alterazioni ormonali, e lo stesso sucede in casi di IMC elevati. In fertilità l’ideale è che tutto sia ben equilibrato.

Proprio per via di situazioni cosi, a volte abbiamo pazienti che ci dicono: Non ci hanno trovato nessun problema, sembrerebbe tutto a posto, ma la gravidanza non arriva. Tornando alla similitudine dell’orchestra, i musicisti suonano bene, ma la musica non è armonica, c’è una sterilità idiopatica.

Per stabilizzare lo stato emotivo raccomandiamo:

  1. Tenere a bada tutti quei comportamenti, abitudini, pensieri, emozioni che possono avere un’influenza negativa sul nostro equilibrio físico e emotivo: stress, fática, cattiva alimentazione, disturbi del sonno, mancanza di esercizio, pensieri negativi, ecc, poichè tutto ciò che viviamo non è solo esterno a noi, ma lo affrontiamo con il nostro corpo pertanto lascia un’impronta chimica che può alterare il funzionamento generale.
  2. Potenziare tutti i comportamenti e le pratiche che ci fanno star bene: passeggiare, ridere, dormiré bene, praticare un hobby, ricompensarci in qualche modo…

Assicurandoci uno stato emotivo equilibrato, contribuiamo alla salute in generale, e aumentiamo le possibilità di gravidanza.

 

Registro
Ya tengo cuenta, Iniciar sesión